PIETRA LIGURE: ma quale lotta all'abusivismo?

E insomma che questa mattina a Pietra è stato scoperto un deposito di merce contraffatta. Ovviamente il materiale è stato sequestrato dalle autorità competenti e mentre il nostro Sindaco, intervistato da un giornale locale, ha rivendicato l'importanza di operazioni coordinate per contrastare lo sviluppo dei fenomeni di abusivismo nella nostra città, mi domando:

Ma come? Di cosa stiamo parlando?

C'è qualcosa che non torna nel ragionamento del nostro primo cittadino. Eh si perché vedete, è giusto di qualche settimana fa la denuncia di alcuni cittadini e turisti della spiaggia libera di corso Italia: un vero e proprio accampamento di venditori ambulanti, adagiati sulla sabbia (insieme ai turisti) con i loro inseparabili sacchetti azzurri contenenti il materiale contraffatto.

Un'immagine che, pur essendo diventata ormai un'abitué per i turisti e residenti di quella spiaggia, stona notevolmente con le parole del Sindaco, considerato anche il tempo trascorso dall'ultima, inascoltata, segnalazione.

Proprio OGGI, alcuni cittadini che frequentano quella spiaggia mi hanno scritto per manifestare il loro sdegno di fronte all'ennesima segnalazione priva di un riscontro effettivo da parte delle autorità competenti. Infatti, QUOTIDIANAMENTE, nella spiaggia oggetto della denuncia di qualche settimana fa, vengono poste in essere quelle condotte illecite che rimangono costantemente impunite.

Se c'è davvero la volontà di combattere il fenomeno dell'abusivismo sul nostro territorio, perché, a fronte di ripetute segnalazioni ( spesso e volentieri in tempo reale ) , non vengono presi i dovuti provvedimenti anche nella spiaggia libera di corso Italia, come quelli posti in essere questa mattina?

Le dichiarazioni fatte dal nostro Sindaco, valgono solamente come spot per i cittadini oppure, come è lecito aspettarsi, saranno il preludio ad un imminente intervento volto a riportare l'ordine in quella spiaggia?

E' abbastanza singolare ritrovarsi a parlare di queste problematiche alla fine della stagione estiva. E mi permetto di sottolineare anche un ultimo aspetto sempre con riferimento alla spiaggia libera di corso Italia. Intervenire per spazzare via il fenomeno dell'abusivismo dilagante in quel lido, rappresenterebbe anche l'occasione migliore per prendere due piccioni con una fava. E' infatti ormai risalente nel tempo ( e segnalato svariate volte ) il problema dei bagnanti che sono soliti prenotare i posti in spiaggia libera piantando "nottetempo" gli ombrelloni. Un atteggiamento deplorevole che deve essere fermato.
Se è vero che bisogna far rispettare la legge, è allora tempo di darsi da fare e riportare l'ordine dove ormai da tempo regna l'illegalità. Aspetto fiducioso un riscontro effettivo sul campo volto a porre fine a queste fastidiose problematiche.

Nicola Seppone

Commenti

Post popolari in questo blog

Le 5 frasi più dette dai turisti in Liguria (e le 5 più dette dai liguri ai turisti)

Au revoir, Shoshanna!

Stop al lungomare di Pietra a senso unico, la petizione vola: quasi 400 firme in poche ore