PIETRA: UNA BELLA NOTIZIA

Questa mattina leggendo il giornale ho trovato una notizia che mi ha fatto molto piacere.
Si, siamo sempre abituati a sottolineare gli aspetti negative delle cose, dedichiamo sempre tanto ( forse troppo ) tempo per criticare senza proporre alternative a ciò che reputiamo inadeguato.

Ebbene, in questo post, voglio semplicemente scrivere una bella notizia per il turismo di Pietra Ligure: due stabilimenti balneari che hanno deciso di restare aperti anche durante l'inverno e offrire i loro servizi ai residenti e ai turisti durante le frequenti belle giornate di quel periodo.

E questa iniziativa non è per nulla poca cosa. Anzi!

E' vero, è un periodo di crisi BLABLABLABLA ( pienamente d'accordo ) però occorre anche fare delle scelte coraggiose invece che ( solamente e magari anche giustamente ) lamentarsi! Anche perché, parliamoci chiaro, alcuni di quelli che puntano il dito contro la crisi economica ( ALCUNI eh NON TUTTI ) cercano di giustificare così' la non possibilità di rinnovare le strutture e offrire qualcosa di più ai clienti.

OK, però non è sempre stato così, ci sono stati anni d'oro durante i quali, quelli di cui sopra ( ALCUNI eeeeh ), hanno guadagnato parecchio eppure non hanno fatto molto per rinnovare e offrire di più. Quindi, la scusa della crisi economica, per quanto reale per certi aspetti, non regge affatto.

E una scelta coraggiosa può essere, ad esempio, tenere il locale aperto 1 ora in più del solito ( d'estate e d'inverno ), offrire ai clienti una serata alternativa, copiando da quello che fanno magari altri locali o inventando attrattive proprie - le scelte coraggiose sono spesso realizzate con questi piccoli gesti che possono portare risultati inaspettati.

Insomma, mugugnare va benissimo ma non fermiamoci lì.

Nicola Seppone

LA STAMPA del 30 Ottobre 2013 - Clicca sulla foto per visitare Pietra ON AIR

Commenti

Post popolari in questo blog

Le 5 frasi più dette dai turisti in Liguria (e le 5 più dette dai liguri ai turisti)

Au revoir, Shoshanna!

Stop al lungomare di Pietra a senso unico, la petizione vola: quasi 400 firme in poche ore