È qui la festa? Sì, la riscossa parte da Finale Ligure!

wow che bello! 

Sì, è proprio il caso di scriverlo questa volta, in barba a tutti i luoghi comuni come "Liguria terra per anziani" (e preciso, anche se fosse, pure loro meritano rispetto e i loro spazi, un giorno se avremo la fortuna di arrivarci, ad una certa età, potremo dire soltanto grazie e sperare che qualcuno si ricordi anche di "noi"), il 2 luglio prossimo, a Finale Ligure, arriva un evento unico: oltre 10km di spiaggia e 38 stabilimenti balneari coinvolti in una festa enorme: il più grande beach party del nostro paese (cliccate QUI per leggere l'articolo).

Una manifestazione che ha il sapore di rinascita per la nostra riviera e in particolare per il nostro turismo che da queste parti, nonostante la crisi, porta ancora oggi il segno più. E il sapore è reso ancora più dolce pensando alla città che ospiterà questa grande festa: Finale Ligure. Un'icona della movida e del divertimento della riviera di ponente. Ve ne cito soltanto uno di locale - lo Sporting Club - ed è subito momento nostalgia  ("non ce la faccio, troppi ricordi, troppi ricordi").



Finale oggi non rappresenta più il polo indiscusso della movida rivierasca ma ha spostato l'attenzione sull'attività di Outdoor, capace in questi anni di portare in città un importante numero di turisti provenienti da tutto il mondo. Eppure questo beach party riporta la memoria di tutti alla grande movida finalese. Ed è per questo che il sapore è ancora più dolce, perché un'iniziativa così, nella città della movida perduta, genera una fiammata di speranza che speriamo possa tornare ad illuminare la riviera dei giovani.

Agli imprenditori, a tutte le categorie commerciali, alle amministrazioni che ci credono e che lavorano in sinergia per un'offerta turistica sana e divertente come questa, AD MAIORA! 


Nicola Seppone

Commenti

Post popolari in questo blog

Le 5 frasi più dette dai turisti in Liguria (e le 5 più dette dai liguri ai turisti)

Au revoir, Shoshanna!

Stop al lungomare di Pietra a senso unico, la petizione vola: quasi 400 firme in poche ore