giovedì 30 ottobre 2014

O MIA BELLA BANDIERINA!

Pietra ha entrambe le bandiere, e in particolare ha riottenuto ( con effetto WOW ) la bandiera blu quest'anno, poco prima delle elezioni. La bandiera Lilla è arrivata qualche mese dopo. Ma lasciando perdere gli aspetti dal sapore provocatorio, mi piacerebbe proprio conoscere la vostra opinione a riguardo.
Per quanto riguarda la bandiera blu ho da sempre ritenuto che si tratti di uno specchio per le allodole..insomma, il turista che vede sventolare la bandiera blu è portato a pensare che a Pietra ci sia un mare pulito ( e tralasciamo il fatto che pochi sanno che in realtà la bandiera blu prende in considerazione anche criteri diversi da quello del mare pulito, come, tanto per fare un esempio, quello delle spiagge pulite ). Tuttavia sappiamo bene che proprio quest'estate ( poco dopo aver riottenuto la bandiera tanto ambita...ma oh, non riuscivamo proprio ad averla prima ) sono comparsi divieti di balneazione qua e là. Motivo? Mmmm il mare non era così pulito, ovviamente non è colpa di nessuno se il mare è sporco, nessuno nel senso nessun politico.
Eppure oh, l'effetto "Belin, abbiamo le Bandiere!" sembra aver preso il sopravvento sulla risoluzione dei problemi che stanno proprio alla base per decidere se conferirle o meno! Perché?
Perché il mare di Pietra NON è da bandiera blu ( nel significato più comunemente percepito ) anche perché altrimenti tutte le spiagge della Sardegna e della Sicilia ( tanto per fare due esempi ) dovrebbero ottenere bandiere Blu a cascate, PIOVEREBBERO bandiere Blu! Se poi ci aggiungiamo che l'assegnazione delle bandiere blu avviene anche attraverso la verifica di ulteriori aspetti come quello citato sopra delle condizioni delle spiagge (libere)...beh, altro che bandiera blu, probabilmente ci rimarrebbe l'asta. E mi fermo qui ( intendo per il discorso dell'asta ).
Mentre per la bandiera Lilla, beh beh beh....qua forse andiamo un po' meglio rispetto alla blu, ma meglio non significa necessariamente bene. Solo l'altro giorno infatti qualcuno di voi su PietrAttiva lamentava (giustamente) della difficoltà di accesso nella nuova passeggiata di Levante, facendo riferimento all'incompletezza degli ascensori. Ma analoghe considerazioni andrebbero fatte anche per il parco Negro, dal punto di vista del disabile non è totalmente agibile. Sicuramente qualcuno di voi conoscerà qualche altro problema simile.
Insomma...le bandiere sono belle, soprattutto quando sventolano con quel vento che qui in Liguria soffia spesso e volentieri...ma se vogliamo proprio essere sinceri, nella maggior parte dei casi si riducono ad essere un fattore d'immagine per la città e non tanto una rappresentazione fedele della realtà!

Nicola Seppone

sabato 25 ottobre 2014

LETTERINA A TRENITALIA

Nel gruppo PietrAttiva qualcuno mi ha dato lo spunto per provare a sollecitare Trenitalia a risolvere un problema fastidioso presente da anni nella stazione ferroviaria di Pietra Ligure. Speriamo che qualcuno laggiù o lassù ci ascolti! :)




domenica 19 ottobre 2014

PIETRATTIVA - Parliamo di Pietra

Con PietrAttiva ho voluto creare uno spazio su Facebook dove i cittadini di Pietra possano condividere idee, proposte, notizie, segnalazioni e tutto quello che può essere utile per la città.

Uno spazio dove tutti possono intervenire, non importa chi avete votato alle ultime elezioni, importa solo la volontà di condividere qualcosa di davvero utile per il paese.

Tutto questo per completare un percorso che è iniziato con la creazione del gruppo SEI DI PIETRA LIGURE SE, un gruppo nel quale è possibile condividere foto,video,ricordi e momenti positivi della nostra comunità...

con PIETRATTIVA ho voluto chiudere un cerchio, un gruppo che corre in parallelo insieme al primo ma dove è possibile fare un'analisi più approfondita della realtà politica Pietrese attraverso il confronto di idee, anche diverse, ma con lo spirito di chi ama la nostra città.

Insomma...

Se volete divertirvi, condividere foto e momenti belli di ieri oggi e domani di Pietra usate il gruppo SEI DI PIETRA LIGURE SE....mentre se avete voglia di mugugnare un po' e confrontarvi civilmente sui problemi della nostra città ....usate il gruppo PIETRATTIVA!

Nicola Seppone

https://www.facebook.com/groups/298410643700474/
Clicca sul logo per andare al gruppo su Facebook! 

sabato 18 ottobre 2014

REFERENDUM A PIETRA PER L'AREA DEGLI EX CANTIERI NAVALI

L'area degli ex cantieri navali di Pietra Ligure è un'area enorme (46.000 metri quadrati), tanto grande da poter essere considerata come una seconda Pietra. Nascosta dalle mura del cantiere ( in parte cadute recentemente incredibilmente alle porte delle scorse elezioni comunali ) l'area degli ex cantieri Rodriquez può essere considerata senza mezzi termini la più importante opportunità di rilancio per l'economia della nostra città.

Inutile perdersi a parlare del progetto portato avanti dalla precedente amministrazione e preso in consegna ( senza troppi tentennamenti ) da parte dell'attuale maggioranza Pietrese la quale si prefigge di portare a termine l'opera presentanta nel febbraio del 2006 e che prevede ( tra le cose ) la realizzazione di un porto turistico ( ricordiamo la presenza del porto di Loano a pochi metri ) e di una serie di palazzine, insomma, altro cemento, TANTO cemento.

La storia è ben nota e quindi non serve riportarla integralmente - l'ipotesi di un referendum popolare ( il miglior metodo di democrazia diretta per decidere su questioni importanti ) NON è mai stata presa in considerazione né dall'amministrazione precedente né tanto meno dall'attuale maggioranza che pare avere come sua unica stella polare la tanto vantata continuità con l'amministrazione precedente.
Allora alla domanda ( all'attuale amministrazione Valeriani ) come mai non si fa un bel referendum popolare sull'area degl iex cantieri...ci si sentirà rispondere assai banalmente che il referendum è stato già fatto..insomma le elezioni le hanno vinte loro e quindi che c'è ancora da discutere?

In altre parole sembra quasi prevalere una logica "dittatoriale" invece che una logica basata sulla concertazione - insomma, se si deve prendere una decisione così importante per il futuro della città ( ricordo solo l'aspetto dell'impatto ambientale sugli arenili e quindi le spiagge, l'impatto sull'economia della città con lo spauracchio di un centro commerciale in grado di decretare la condanna a morte senza appello del centro storico, tanto per citarne alcuni ) allora perché non provare a chiedere ai cittadini con un referendum preciso e mirato che cosa vogliono davvero?

Infondo che male c'è e soprattutto che paura c'è da parte dall'attuale amministrazione? Avremo o no il diritto di poter decidere ( o meglio di esprimere la nostra idea ) circa il futuro di un pezzo enorme della nostra città oppure gli interessi privati potranno comunque avere una prevalenza sull'interesse collettivo?

Attendo risposte.

Nicola Seppone




martedì 14 ottobre 2014

NUVOLE E NEBBIA SU PIETRA

Anche il giudizio più obiettivo e quindi meno parziale possibile conferirebbe a questi primi mesi di amministrazione Valeriani un voto indiscutibilmente negativo. L'attuale maggioranza si regge grazie all'appoggio del Partito Democratico, Lega Nord, "Club Forza Silvio 2 ", insomma, un miscuglio politico degno della corazzata Potemkin presentata da Prodi un po' di anni fa a livello nazionale. Ma si sa, gli inciuci non passano mai moda.

Ma questi sono aspetti tutto sommato di contorno, quasi astratti, che fanno parte del teatrino dela politica (nazionale e locale) , mentre ci sono realtà più palpabili nel quotidiano sulle quali è possibile basare una critica più concreta.

- PULIZIA DELLA CITTà: il nuovo appalto vinto da ATA avrebbe dovuto segnare una svolta (in meglio) dal punto di vista del decoro della città (eh oh, spiagge comprese) - tuttavia non vengono in risalto migliorie degne di nota ma, al contrario, spesso e volentieri si assiste ad un servizio che non soddisfa e probabilmente non adempie in toto a tutte le clausole pattuite nel contratto d'appalto. La pulizia e le carenze strutturali delle spiagge libere tanto per citare un esempio, rappresentano ormai da anni un punto d'approdo sempre più lontano. Non sono così risalenti del tempo ( giusto qualche mese fa ) le ultime e ripetute lamentele da parte di alcuni bagnanti. Pietra è una bellissima città, il centro storico è un gioiellino, le spiagge rappresentano il vero motore della nostra economia, le periferie rappresentano il punto d'accesso alla città e solo per questa ragione dovrebbero essere curate e valorizzate al massimo, proprio perché rappresentano il primo "impatto" con la città - non considerare anche solo uno di questi aspetti significherebbe, per una amministrazione, essere totalmente fuori strada

- ORDINE PUBBLICO: è un aspetto importante ma che a quanto pare la nuova maggioranza non considera come tale, e non mi riferisco agli ultimi fatti di cronaca dell'estate scorsa che prescindono da ogni tipo di responsabilità di una nuova amministrazione, ma mi riferisco all'ordine pubblico derivante dalla presenza di soggetti ( più o meno regolari ) che si vedono con sempre più frequenza per le strade di Pietra - insomma, il nostro è un paese libero, ci mancherebbe, ma l'accattonaggio ( che se non sbaglio è stato abrogato da una sentenza dela Corte costituzionale ) dovrebbe essere quanto meno tenuto sotto controllo, il vagabondaggio che certo può essere sinonimo di disagio o di un problema concreto, ma che proprio per questo andrebbe disicentivato anche perché costituisce un fenomeno che danneggia pesantemente l'immagine di una città e il suo decoro ( guardate l'immagine sotto per capire cosa si presentava ai passanti per le strade del centro durante Dolcissima Pietra, quest'anno ) e poi ancora controlli, controlli sempre più mancanti nei punti più critici della città: insomma, non sono io ad insegnare alla nuova amministrazione che la presenza fisica di un semplice agente della municipale costituirebbe un deterrente efficace per prevenire crimini e situazioni di degrado sociale.

- TASSE: bah, molto semplicemente se nel programma elettorale scrivi che farai di tutto per abbassare le tasse ( per i commercianti certo ma anche ) dei cittadini...beh, non fai pagare la Tasi per far fronte a buchi di bilancio che, ohibò, prima ti erano sfuggiti, quando magari hai amministrato la città insieme ad altre persone per 10 anni.

- DELEGHE E COMPETENZE: ci sono 4 assessori nel Comune di Pietra Ligure, i restanti componenti della maggioranza eletta (escluso il Sindaco ovviamente ) sono CONSIGLIERI ai quali la legge di fatto attribuisce determinate competenze per nulla identificabili con quelle di un assessore - questo per sottolineare come la nuova amministrazione Valeriani su questo punto ( peraltro oggetto di ricorso al Tar da parte dell'ottima opposizione ) abbia fatto parecchia confusione - per le piazze durante le manifestazioni prendono parola consiglieri invitati a parlare sul palco in qualità di assessori - e guardate che l'errore non è puramente formale, le responsabilità e le prerogative di un ruolo istituzionale sono essenziali per un buon espletamento del mandato.

- SANTA CORONA E AREA EX CANTIERI NAVALI: ho lasciato questo aspetto per ultimo ma non di certo per minore importanza, infatti ho dedicato un intero post qualche giorno fa a questo argomento per evidenziare il totale atteggiamento di ambiguità della nuova amministrazione circa questi due temi FONDAMENTALI per il rilancio e il futuro di Pietra Ligure. Non c'è una posizione chiara e netta, ci sono frasi ad effetto prive di contenuto nella realtà, siamo tutti capaci a dire difendiamo il Santa Corona e il Dea, ma poi nei fatti come si concilia la posizione del nostro Comune con la politica regionale di Burlando che in materia sanitaria è riuscita a depauperare pesantemente le funzionalità del nostro ospedale? - e poi ancora, non è facile per la Lega Nord che appoggia la maggioranza, per esempio, mutare totalmente la propria visione con riferimento al progetto degli ex cantieri navali, il Carroccio Pietrese ( un carrettino ) è riuscito a dare una versione totalmente opposta in occasione delle elezioni e si è trovato magicamente d'accordo con il PD Pietrese sul progetto dell'area degli ex cantieri che da sempre ha contestato. Non ci crederete mai, ma tutto questo è avvenuto in occasione delle scorse elezioni. Voilà.

Insomma, ho raggruppato qualche argomento di critica nei confronti della nuova maggioranza eletta quest'anno nel nostro Comune - cose positive? Beh, come ho fatto capire all'inizio del post, anche per l'osservatore più obiettivo sarebbe in un certo senso molto difficile trovare raggi di sole in una stagione (per ora) nuvolosa e a tratti nebbiosa.

Nell'attesa di una stagione che noi tutti cittadini auspichiamo di maggiore coerenza e attivismo da parte della nuova maggioranza, non mi resta che fare i miei complimenti a 4 persone che rappresentano per la prima volta dopo tanti anni una vera ed efficace OPPOSIZIONE nel Comune di Pietra Ligure, una opposizione che per l'impegno e la serietà con cui viene posta in essere, lascia dormire sonni tranquilli anche a chi, magari dopo qualche mese, si è pentito di aver votato dall'altra parte...e a quanto pare, leggendo i giornali e sentendo le voci per le strade, qualcuno c'è già...o forse più di qualcuno...

Nicola Seppone





sabato 11 ottobre 2014

PIETRA L. : risposte senza ambiguità

Il futuro del Santa Corona avrà ( in un modo o nell'altro ) delle precise ed identificabili responsabilità di carattere esclusivamente POLITICO, il PD regionale ha dimostrato totale inidoneità nel trattare la materia sanitaria ed in particolare è riuscito a portare il nostro Ospedale ad un livello di degrado funzionale mai visto prima. E il trend non accenna a migliorare. Come se non bastasse la nuova amministrazione Pietrese dimostra nei confronti di questa situazione un atteggiamento ben peggiore dell'indifferenza, vale a dire l'AMBIGUITà. Facile intuire le motivazioni di carattere politico visto che la maggioranza si regge grazie all'appoggio del PD Pietrese, lo stesso PD di cui sopra sostanzialmentee e lo stesso PD che in un certo senso potrebbe avere anche ragioni d'interesse nell'area degli ex cantieri navali.
Ma la domanda allora sorge spontanea, tanto banale quanto sincera: davvero motivazioni di carattere politico potranno in futuro decretare in un modo o nell'altro il futuro di strutture ed aree considerate unanimente la chiave di volta per il rilancio dell'economia della nostra piccola città?
Certo, i cittadini hanno democraticamente votato ma ora è il tempo delle scelte e non delle incertezze - il futuro della nostra città si basa su decisioni importanti circa i temi chiave per il rilancio di Pietra, le passerelle con la fascia da Sindaco, la sensanzione di positività che può scaturire vedendo delle brave persone non può più bastare ai cittadini, dobbiamo pretendere delle risposte chiare e precise senza tentennamenti.
Ora avete la fiducia da mesi ed avete il diritto e l'onere di amministrare rendendo conto alla collettività.

Nicola Seppone

martedì 22 aprile 2014

ISTRUZIONI PER IL VOTO

Qualche piccola istruzione in vista delle prossime ELEZIONI COMUNALI che si terranno (anche) a Pietra Ligure prossimamente:

- Si vota nella SOLA giornata di DOMENICA 25 MAGGIO 2014, quindi avrete una sola giornata a disposizione per esprimere il vostro voto, non più due

- COME SI VOTA: prendete come esempio l'immagine (sotto) del mio santino, quella senza la mia foto - quindi con una X SEGNATE IL SIMBOLO che rappresenta la lista che preferite e in questo modo darete il vostro voto a tutta la lista ( e quindi anche al candidato Sindaco )

- Poi, e questo è MOLTO IMPORTANTE da ricordare: da quest'anno sarà possibile ( oltre al voto con la X sul simbolo della lista ) esprimere DUE PREFERENZE PERSONALI, ma attenzione, potrete scrivere i nomi di:

- UN UOMO ( un esempio a caso, SEPPONE )

- UNA DONNA ( il nome di una donna in lista, PINCO PALLINA)

Quindi una volta barrato il simbolo della lista, avrete anche la possibilità di dare la vostra preferenza a un uomo e una donna che fanno parte di quella lista ovviamente - e dunque NON dovrete scrivere il nome di due uomini o due donne, ma una preferenza per sesso.

- NON serve scrivere il nome del candidato Sindaco tra le preferenze personali ( nel mio caso ANNA BONFIGLIO ), perché barrando il simbolo della lista automaticamente date la vostra preferenza (anche) al candidato Sindaco. Quindi quando scegliete i due nomi ( un uomo e una donna ) da inserire tra le due preferenze, NON scrivete il nome del candidato Sindaco ma scegliete tra UN uomo e UNA donna presenti nella lista ad esclusione del candidato Sindaco ( Repetita iuvant )

Il diritto di voto è un'opportunità, la libertà di scegliere è un dono che è stato conquistato e che la storia ci ha consegnato come un tesoro da custodire e valorizzare: se non credete più nella politica provate a credere nelle persone che credono ancora in un futuro migliore, ovunque esse siano.

Nicola Seppone