martedì 22 aprile 2014

ISTRUZIONI PER IL VOTO

Qualche piccola istruzione in vista delle prossime ELEZIONI COMUNALI che si terranno (anche) a Pietra Ligure prossimamente:

- Si vota nella SOLA giornata di DOMENICA 25 MAGGIO 2014, quindi avrete una sola giornata a disposizione per esprimere il vostro voto, non più due

- COME SI VOTA: prendete come esempio l'immagine (sotto) del mio santino, quella senza la mia foto - quindi con una X SEGNATE IL SIMBOLO che rappresenta la lista che preferite e in questo modo darete il vostro voto a tutta la lista ( e quindi anche al candidato Sindaco )

- Poi, e questo è MOLTO IMPORTANTE, da ricordare: da quest'anno sarà possibile ( oltre al voto con la X sul simbolo della lista ) esprimere DUE PREFERENZE PERSONALI, ma attenzione, potrete scrivere i nomi di:

- UN UOMO ( un esempio a caso, SEPPONE )

- UNA DONNA ( il nome di una donna in lista, PINCO PALLINA)

Quindi una volta barrato il simbolo della lista, avrete anche la possibilità di dare la vostra preferenza a un uomo e una donna che fanno parte di quella lista ovviamente - e dunque NON dovrete scrivere il nome di due uomini o due donne, ma una preferenza per sesso.

- NON serve scrivere il nome del candidato Sindaco tra le preferenze personali ( nel mio caso ANNA BONFIGLIO ), perché barrando il simbolo della lista automaticamente date la vostra preferenza (anche) al candidato Sindaco. Quindi quando scegliete i due nomi ( un uomo e una donna ) da inserire tra le due preferenze, NON scrivete il nome del candidato Sindaco ma scegliete tra UN uomo e UNA donna presenti nella lista ad esclusione del candidato Sindaco ( Repetita iuvant )

Il diritto di voto è un'opportunità, la libertà di scegliere è un dono che è stato conquistato e che la storia ci ha consegnato come un tesoro da custodire e valorizzare: se non credete più nella politica provate a credere nelle persone che credono ancora in un futuro migliore, ovunque esse siano.

Nicola Seppone



























giovedì 27 marzo 2014

UN PORTO E UNA ZONA COMMERCIALE A PIETRA? MA ANCHE NO

Ora provate ad immaginare un giornalaio, un piccolo negozio di alimentari, un barbiere, un semplice commerciante Pietrese tra qualche anno. Come ve li immaginate?

Nell'area degli ex cantieri navali potrebbe nascere un nuovo (inutilissimo) porto e, sempre secondo l'attuale progetto portato avanti dalla lista Valeriani, anche una zona commerciale, magari con una bella Coop e qualche galleria dove fare acquisti.

Questa non è fantapolitica e non è nemmeno un'utopia. E' la realtà di un progetto che la lista a cui facevo riferimento vuole realizzare a tutti i costi. Ora, posso tranquillamente immaginare che cosa vi stia passando per la testa in questo preciso istante: "Eh belin, fai campagna elettorale e ognuno tira l'acqua al suo mulino".

Ma frenate per un attimo le facili conclusioni e provate a riflettere sulla reale portata di quel progetto e domandatevi una semplice cosa: Pietra Ligure ha davvero bisogno di un porto ( a due passi dall'area degli ex cantieri di Pietra c'è il porto di Loano e il fatto che i posti barca siano mezzi vuoti è un dato oggettivo ) e di un'area commerciale ( magari con una bella Coop in grado di spazzare via quel giornalaio, quel piccolo negozio di alimentari, quel barbiere e quel semplice commerciante a cui facevo riferimento sopra ) ?

Ma davvero abbiamo bisogno di tutto questo?! E guardate che non sto scrivendo una cosa che non sarà mai realizzata a Pietra! Sto scrivendo basandomi sul progetto che ancora oggi comparare sulle prime pagine dei giornali! Guardatelo, è nella foto qui sotto!

Amici tutto questo è un punto F O N D A M E N T A L E per il rilancio della nostra economia, per il rilancio del turismo della nostra città! Ma cosa potranno pensare i turisti a noi più affezionati ( lombardi, piementosi per esempio ) nell'eventualità che quel porto e quell'area commerciale si realizzino?
"Uè figa a Pietra c'è un nuovo porto hai visto? Ah, c'è pure una Coop! Va beh, per il Porto facciamo prima ad arrivare a Portofino, per la Coop? Lasciamo perdere, centri commerciali ne abbiamo a volontà!".  MA NON STO SCHERZANDO! Perché se si realizza il progetto portato avanti da Valeriani chi sarà interessato a venire nella nostra città per queste opere????

Un centro talassoterapico sarebbe in grado non solo di dare un senso a quell'area senza compromettere il lavoro dei tantissimi commercianti del centro e della periferia di Pietra ma farebbe di più: sarebbe in grado di dare una CARATTERIZZAZIONE alla nostra città!!! Ma guardate cosa fanno a Rimini: http://www.riminiterme.com/ E allora il lombardo, il piemontese ( e il turista in generale italiano e straniero ) direbbe: "Caspita hai sentito? A Pietra c'è un centro talassoterapico aperto 12 mesi l'anno e a ridosso sul mare in una zona spettacolare, ci sono delle belle spiagge, c'è un centro storico fantastico. Andiamo a farci un salto!"

ECCO!

Questa è un'idea per il futuro della nostra città, che non danneggia i nostri commercianti e che si colloca in un'ottica di crescita economica per Pietra Ligure 365 giorni all'anno!


Nicola Seppone







domenica 9 marzo 2014

APPELLO PER LA PREVENZIONE

Leggendo la notizia del passaggio a livello di Pietra che l'altra sera per l'ennesima volta non si è abbassato al transito del treno, mi sono molto preoccupato. E sottolineo con forza questa vicenda per un motivo particolare: ho vissuto personalmente l'esperienza di vedere un treno transitare davanti a me a sbarre alzate. Agghiacciante. E i racconti in questo senso sono tutt'altro che da prendere sotto gamba. Perché siamo sempre molto esperti a scandalizzarci a disgrazia avvenuta, ma non siamo ancora diventati abbastanza bravi a prevenire episodi a dir poco spiacevoli.

In questi giorni si moltiplicano le vicende che vedono protagonisti da un lato la mancanza di prevenzione o comunque l'incuria come è stato sottolineato da molti e dall'altro lato la fortuna, la fortuna che non sia avvenuta nessuna disgrazia. E possiamo pensare tranquillamente all'effetto dell'intercity di Andora con a bordo circa 200 persone e che solo per miracolo non è finito agli albori come uno dei più gravi incidenti ferroviari di sempre; e ancora, le continue frane di capo Noli proprio nella trafficatissima via Aurelia sottostante: massi di dimensioni imbarazzanti che cadono mettendo a repentaglio la vita di moltissime persone.

E allora si, tutte queste vicende suonano come un vero e proprio campanello d'allarme che risvegliano di colpo le coscienze di tutti: e allora si inizia a parlare di raddoppio ferroviario con insistenza ( quasi facendoci credere che domani sarà pronto ) e perché no, iniziamo anche a parlare di una strada alternativa per capo Noli, che non si sa mai. In quest'utimo caso l'anno scorso soltanto per la fortuna di cui sopra non si è sfiorata una tragedia.

Ma è forse nella natura dell'uomo sbattere la faccia. E soltanto poi, imparare.

Ma davvero vogliamo aspettare la tragedia? Davvero dobbiamo per forza ( anche questa volta ) aspettare che accada qualcosa di brutto per muoverci?

IO CREDO DI NO.

E allora faccio un appello alle autorità competenti affinché si possa iniziare un percorso di prevenzione serio. Eh si, perché questi sono discorsi seri: c'è l'incolumità di tutti in ballo. Così, per esempio, un Comune come quello di Pietra può ( e deve ) esercitare tutte le pressioni possibili affinché le Ferrovie vengano a verificare ( e mettere in sicurezza ) il passaggio a livello malfunzionante. Sono già stati fatti dei richiami, sono già state scritte lettere alle Ferrovie? Non importa, ne scriviamo altre, alziamo la cornetta, prendiamo la macchina e ci rechiamo nelle sedi di competenza e manifestiamo la nostra preoccupazione.

Qui nessuno vuole insegnare niente a nessuno. Ci sono solo cittadini preoccupati che la fortuna di cui sopra possa improvvisamente voltarci le spalle.




Nicola Seppone

lunedì 10 febbraio 2014

GUARDIAMOCI NEGLI OCCHI

Da pochi giorni è aperta la nuova sede di 100% PIETRA sul lungomare di Pietra Ligure.
La sede è aperta 7 giorni su 7 ed è a disposizione di tutti i Pietresi:  è un luogo d'incontro dove i cittadini hanno la possibilità di portare a conoscenza del gruppo le loro lamentele e i loro suggerimenti. Ed è anche il luogo dove venire a conoscerci, per guardarci negli occhi e scambiare due chiacchere senza fermarci alle apparenze. Insomma, siamo lì ogni giorno per parlare con tutti i cittadini, ed ecco gli orari:

Dal lunedì alla domenica 

MATTINO: 9.30 - 12.00

POMERIGGIO: 15.00 - 18.00


Le elezioni comunali a Pietra Ligure si terranno nel mese di maggio e ho voglia di parlare con tanta gente ( anche e soprattutto con quelli a cui posso stare antipatico a pelle ) perché voglio spiegare a tutti i motivi per cui vale la pena votarci e votarmi - sono sceso in campo fiducioso e determinato - non ho paura della casta politica locale e non ho paura dei personaggi politici estranei alla nostra città che vogliono venire a comandarci senza avere Pietra nel cuore ma cercando nel nostro paese soltanto una roccaforte politica.

E non ho paura perché nella vita bisogna avere il coraggio di osare e osare ti porta spesso a fare degli errori, ma spesso ti porta a superare le paure e raggiungere traguardi inaspettati.

Ma non basta.

Tocca anche A VOI - perché il coraggio dovete tirarlo fuori anche voi, nelle urne: il coraggio di cambiare la classe politica di questa città - la vostra fiducia è la chiave di tutto - io ci metto la buona volontà, le mie capacità, il mio entusiasmo, l'onestà e tanto altro ma è la vostra fiducia la vera chiave di volta in grado di portare idee e persone nuove nel nostro Comune; sarà il vostro coraggio di dare fiducia a persone giovani e nuove che potrà zittire ( politicamente ) chi si è affezionato un po' troppo alle poltrone del nostro Comune.

Nicola Seppone




lunedì 3 febbraio 2014

SEI DI PIETRA LIGURE SE...

Da oggi è attivo un nuovo gruppo su Facebook, si chiama

Sei di PIETRA LIGURE se...

Potete iscrivervi anche se non siete di Pietra...

Potete pubblicare foto e video di Pietra...

Passato, presente e futuro...qualsiasi cosa vi ricordi Pietra!

Unica regola: EDUCAZIONE! :)

CLICCATE QUI per accedere al gruppo!


Nicola Seppone


domenica 2 febbraio 2014

PIETRA è DEI PIETRESI, NON DEI LOANESI

Davvero inaccettabile quello che si legge oggi sui giornali: un loanese, Angelo Vaccarezza, che si presenta a Pietra come il grande burattinaio della lista del marchigiano Valeriani. Un politico che non si è mai interessato di Pietra Ligure viene a Pietra a dare lezioni agli stessi rappresentanti politici Pietresi ( consiglieri e assessori in carica ) dando vita ad un vero e proprio inciucio elettorale che parla tutto tranne che Pietrese!

E noi dovremmo consegnare il futuro della nostra città in mano a persone che non hanno niente a che vedere con Pietra? Gli stessi rappresentanti del PD hanno venduto l'anima "al diavolo" ( politicamente parlando ovviamente ) per ottenere che cosa?

E infatti i protagonisti sono il Partito Democratico, Forza Italia e la Lega Nord: e sarebbe questa la squadra che dovrebbe guidare il futuro della nostra città?

Ma stiamo scherzando?

IL FUTURO DI PIETRA' è SOLO ED UNICAMENTE DEI PIETRESI!

Nicola Seppone


martedì 28 gennaio 2014

I RAGAZZI DI PIETRA, IL BOCCIODROMO E IL BIGLIETTO AEREO

Ma di cosa hanno bisogno i ragazzi di Pietra?
Cosa fanno nel tempo libero?
Trovano le occasioni giuste per passare un bel pomeriggio o una bella serata?
Si trovano bene nella loro città?

Allora, visto che ci sono le elezioni a breve e ho la fortuna di poterle vivere in prima linea, voglio vivere questa occasione cercando di capire se davvero, in qualche modo, sia possibile incidere e dare ( se non una svolta quanto meno ) un po' di fiducia ai tanti ragazzi del nostro territorio: in poche parole, convincerli a restare, senza scappare da dove sono nati e cresciuti perché la politica qui non ha tempo di ascoltare le loro esigenze.

Rispondere alle domande iniziali infondo non è così difficile, mi spiego meglio.

Se è vero che durante questi anni per Pietra è stato fatto molto, in particolare dal punto di vista dell'impatto visivo, altrettanto non si può dire per i ragazzi, i giovani in una fascia d'età compresa tra i 17 e i 30 anni più o meno. Sostanzialmente durante l'anno ( e in particolare d'inverno ) abbiamo dei punti di ritrovo quali il Santo, l'Airone, il Barone Rosso, l'Iguana probabilmente tra i più conosciuti - Cafètoso e Riolfo per gli aperitivi - tutto ovviamente concentrato nella parte centrale della città.
Molti commercianti fanno un vero e proprio sforzo ( anche e soprattutto economico ) per offrire, ad esempio, serate  alternative per i giovani: anche a costo di essere bollati come pecore nere.
Per altri commercianti invece la tipica mentalità ligure continua ad essere un ( apparente ) ostacolo insormontabile - quasi come un muro insuperabile che tuttavia una volta scavalcato può riservare piacevoli sorprese.

E poi c'è l'estate Pietrese che negli ultimi anni sta vivendo una grande evoluzione ( sicuramente in buona parte positiva ) grazie alla serie di eventi organizzati dai commercianti dell'associazione Facciamo Centro e il sostegno del Comune di Pietra Ligure. E allora troviamo artisti più o meno famosi che fanno cabaret, cantano, ecc : ovviamente eventi mirati, nei periodi con il maggior afflusso di gente e comunque ( e questo sicuramente in buona parte a causa delle risorse economiche ) pochi eventi.

Poi ho provato a ribaltare la prospettiva.

Ammesso che la gente comunque è presente nelle piazze durante le serate estive e gira fino a quando non trova qualcosa da vedere ( o perché no, da fare ), ci si rende conto che alla fin fine basta davvero poco per creare intrattenimento, e allora ecco quello che ho pensato.

Bisogna pensare in grande, nel piccolo. Tanto gente come Vasco e Ligabue non possiamo permetterceli, non ci sono soldi in primis e, ad oggi, neanche le strutture - ci vuole tutta che riusciamo ad ospitare Riccardo Fogli o i Portofino Band.

MA ALLORA: facciamo qualcosa che sia in grado di unire l'utile al dilettevole, è il ribaltamento di prosettiva a cui facevo riferimento prima. Prendiamo i ragazzi del nostro territorio, Pietra, Ranzi, Tovo, Bardino, Giustenice e poi magari anche Loano e Finale ( tanto per citare qualche posto qui vicino ), ci sono un sacco di artisti che se ne stanno in garage a suonare ( e in parte a rompersi i coglioni ) e hanno una voglia matta di farlo in una piazza piena di gente, ci sono veri artisti proprio qui, a casa nostra, ci sono attori, ci sono dj, ci sono ballerini, ci sono,  vi giuro che ci sono!!! Guardate cosa stanno facendo in Val Bormida con VB Factor ( giunto alla quarta edizione ): belin, in mezzo alla nebbia, posti che sembrano dimenticati dal Signore e invece fanno aggregazione giovanile, riempono palazzetti, i giovani si mettono in gioco, si divertono e, almeno durante l'inverno, i ragazzi possono trovare qualcosa di veramente alternativo.

Ma non finisce qui. Anzi, è proprio qui che vorrei sentire cosa ne pensano in Comune.

Ma ditemi un po' perché devo pagare un Tizio, più o meno famoso, che viene a Pietra a dire o a fare due belinate, che mi riempe la piazza si, ma d'estate e a Capodanno ( senza offese per nessun artista che si è esibito sinora ) la piazza la riempi comunque, la gente non sa dove andare, appena vede qualcosa si ferma - quando magari io Comune ( che ho un po' di cash, magari non tanti, ma qualcosa ho ) posso pagare artisti del territorio ( certo tenendo conto anche del livello ), ragazzi del nostro territorio e allora io Comune farei qualcosa di eccezionale:

- Offirei la possibilità ai giovani locali di esprimere le loro qualità artistiche nella loro città, facendosi anche conoscere in questo modo
- Offrirei alla comunità un programma di eventi spalmato lungo tutto l'arco dell'anno, con maggiore frequenza
- Offrirei la possibilità ai giovani locali di mettersi qualcosa in tasca
- Offrirei la possibilità, sempre ai giovani locali, di avere qualche motivo in più per restare
- Stimolerei la voglia di creare iniziative a macchia d'olio in tutta la città, perché si scatenerebbe qualcosa di contagioso per cui i ragazzi possono essere soggetti passivi ma anche attivi dell'intrattenimetno locale
- Infine, e non di certo per importanza, sarei in grado di attrarre i giovani e le famiglie dei comuni confinanti, permettendo un flusso costante di gente a Pietra: musica per le orecchie dei commercianti.

ORA, non voglio dire che questi Tizi più o meno famosi non debbano mettere piede a Pietra, ci mancherebbe! E' anche giusto ogni tanto avere un evento alternativo di questo tipo. Ma valutiamo bene le cose e soprattutto i costi dele cose - perché non provare a dare fiducia anche ai nostri giovani cercando di promuovere una rete ( anche e soprattutto tra le associazioni di Pietra ) in grado di rendere i ragazzi protagonisti e veicoli di promozione per la città?
Ma davvero crediamo che il nuovo bocciodromo sia la chiave di volta per il rilancio della nostra economia? No dai, davvero, ditemi che c'è qualcuno che ha voglia di una rivoluzione giovanile a Pietra, altrimenti non dobbiamo lamentarci, i giovani che mugugnano senza mettersi in gioco ( e non parlo solo di politica ) sono l'ossigeno delle politiche che privilegiano la tipica mentalità ligure!
Ma dai suuu, lo sanno anche i bambini che gli anziani non consumano, non fanno girare l'economia!! Ma perché non vogliamo capire che abbiamo bisogno di un turismo di FAMIGLIE / GIOVANI?
Perché non ci proviamo a cambiare un po' il modo di vedere le cose, non sto dicendo è facile, domani mattina facciamo tutto, non sto dicendo io Nicola Seppone cambierò Pietra e la farò diventare una città a misura ( anche ) di giovane, ma possiamo fare qualcosa anzi sto dicendo che  E' POSSIBILE INIZIARE A FARLO!!!


E IO, NEL MIO PICCOLO, VOGLIO INIZIARE. ORA!

Queste sono le foto che girano su Facebook e che prutroppo ci mostrano le prospettive dei giovani,oggi


Nicola Seppone