Post

Il ticket del parcheggio è scaduto? Per la Cassazione scatta la multa.

Immagine
Oggi vi voglio parlare di una questione ricorrente e dai risvolti non sempre così scontati.
Sto parlando della risposta a questa domanda:

Che cosa succede quando parcheggiamo l'auto all'interno delle strisce blu, paghiamo il ticket ma, per qualsiasi ragione, torniamo a riprendere la macchina oltre l'orario previsto? 
Ve ne parlo anche perché, recentemente, ho presentato una mozione consiliare che ha ad oggetto la "scarsa informazione in merito alle tariffe agevolate nei parcheggi pubblici di Pietra Ligure".

Ma andiamo con ordine. Il Codice della Strada, in merito a questo punto, dice una sola cosa: il biglietto deve essere acquistato e reso visibile. Punto. Il codice non dice altro ma soprattutto non si esprime sulle conseguenze dell'ipotetico mancato rinnovo del biglietto scaduto. Il "vuoto" normativo, ovviamente, non è passato inosservato e, infatti, ci sono diverse sentenze che si sono pronunciate sulla questione. Per esempio, c'è un Giudice d…

Pietra Ligure è pronta a volare in Parlamento

Immagine
Il 4 marzo è sempre più vicino e Pietra Ligure sta per vivere una delle più grandi opportunità della sua storia recente. In termini politici, infatti, la nostra città esprimerà ben due candidati (una per la Camera e uno per il Senato) come potenziali parlamentari della prossima legislatura. Probabilmente basterebbe quest'ultimo dato per iniziare a festeggiare. Ma c'è di più. Perché le candidature "made in Pietra", rappresentate dal vicesindaco Sara Foscolo (per la LEGA) e l'ex sindaco di Pietra Ligure e attuale consigliere regionale di minoranza Luigi De Vincenzi (PD), hanno grosse opportunità di trasformarsi in realtà.

Allora capite bene che l'ipotetica presenza in Parlamento di due persone espressione del nostro territorio (anche se con visioni politiche opposte), significherebbe per la nostra città e - più in generale - per tutto il nostro comprensorio, un'enorme chance di rappresentatività all'interno del più importante organo democratico del nost…

Au revoir, Shoshanna!

Immagine
Sparare minchiate in campagna elettorale è da sempre un'attività consolidata e gli affari, in questo settore, vanno a gonfie vele! Così, il signor Attilio Fontana (candidato alla presidenza nella regione Lombardia) si lascia scappare una roba del genere: la «nostra etnia» e la «nostra razza bianca» sono a rischio estinzione a causa dell’immigrazione

Come se non bastasse poi, per cercare di trovare una "giustificazione" al capitombolo di stile, lo stesso Fontana richiama nientepopodimeno che...la nostra Costituzione: già, proprio la nostra carta fondamentale che, all'art. 3, utilizza il termine "razza". Come dire "se lo dice anche la Costituzione! Vi indignate per le mie parole?!" Il dispositivo, in particolare, all'art. 3 recita: "senza distinzione di razza". Che tradotto, per Fontana, significa proprio ripudiare nel modo più assoluto qualsiasi distinzione basata sulla "razza", appunto. 

È facile confondere i piani quando l…

Dalle colline di Ranzi alle nostre tavole: "Olio Pedro", qualità a km zero

Immagine
L'olio extravergine di oliva è uno degli alimenti più diffusi in Europa e l'Italia è il secondo produttore mondiale di questo prodotto (seconda solo alla Spagna). In questi anni moltissimo è stato scritto e detto sulla qualità dell'olio italiano e, in particolare, sono stati realizzati dei veri e propri servizi a tema finalizzati alla comparazione tra le varie tipologie di olio presenti sul mercato e all'analisi della qualità rapportata alla provenienza delle materie prime utilizzate per la produzione. Questo perché l'olio è semplicemente un prodotto di uso quotidiano e saperne di più (sulla provenienza, sulla produzione e così via) non è solo utile ma è anche importantissimo per la nostra alimentazione.

La "qualità" di un prodotto è da sempre il marchio indelebile che ha reso grande il made in Italy nel mondo: spesso tutto nasce da piccole realtà (come le botteghe artigiane) che iniziano a produrre qualcosa con passione, attenzione per i dettagli, traman…

Andare al cinema? Sempre più caro!

Immagine
Dai 7,50 ai 10 euro per un biglietto, pop corn e bibite che, se acquistati insieme, spesso raggiungono la doppia cifra e, infine, volendo fare i puntigliosi, mettiamoci pure la benzina della macchina per raggiungere il cinema multisala dove, ovviamente, la scelta sarà più ampia (e qui da noi non ci sono molte alternative: o Albenga o Savona, 30 40 km di strada tra andata e ritorno).

Per passare una serata al cinema, quindi, a conti fatti una persona spende circa da i 15 ai 20 euro! (certo, acquistare da bere e da mangiare non è obbligatorio ma...si fa, eccome se si fa; certo, ci sono le giornate dove il costo è ridotto ma quelle sono eccezioni che, peraltro, non si applicano alle c.d. nuove uscite, per esempio)
Forse questa è una delle chiavi di lettura dell'incredibile trend negativo del 2017 per quanto riguarda le presenze nelle sale cinematografiche italiane: un crollo degli spettatori pari al 46%! Andare al cinema è diventato davvero un lusso e, come se non bastasse, le altern…

Sicilia, imparare ad odiarla per amarla

Immagine
Viaggiare nel tempo è possibile e per farlo basta viaggiare. Letteralmente.

Ho avuto la fortuna di girare un po' per il mondo (briciole, rispetto alla sua grandezza) e nell'epoca di Facebook e Instagram, dove spesso l'obiettivo della vacanza sembra essersi trasformato in uno scatto o in un tag cattura consensi, raramente documento sui social i miei viaggi. A volte, però,  faccio delle eccezioni. Quest'ultime, in particolare, scaturiscono da particolari momenti vissuti durante la mia visita in un determinato luogo che meritano di essere condivisi con gli altri. E il mio, forse, è un semplice invito a chi non ci è mai stato ad andare in quel posto. Oppure è soltanto il desiderio di raccontare un'esperienza. Viaggiare vuol dire spezzare la routine. Non è una questione di chilometri: che sia Dubai piuttosto che Firenze, viaggiare significa scoprire qualcosa di nuovo. E le cose da scoprire sono tantissime: come alcune tradizioni diverse dalle nostre che resistono nel te…

Il "Confuochino", l'anno che verrà e un grande grazie

Immagine
Questo sarà l'ultimo post dell'anno sul blog e voglio dedicarlo, prima di tutto, a voi. Voi che dal 2013 mi leggete (i numeri, a volte, mi impressionano), mi criticate, mi fate i complimenti, mi spronate a fare meglio e così via. Grazie, grazie davvero.

Poi voglio usare questo post per spiegare brevemente il #Confuochino (cliccate QUIper vederlo), l'evento organizzato questa sera dal gruppo di minoranza di cui faccio parte. La "manifestazione", che si è tenuta presso il ristorante "Confuoco" in piazza Vecchia, aveva una natura palesemente goliardica: parlo per me ma sono certo di poter parlare anche per gli altri due consiglieri del mio gruppo. Nessuna cattiveria ma, anzi, l'intento era quello di strappare un sorriso e, allo stesso tempo, far riflettere il sindaco su alcuni aspetti a noi cari. La satira, spesso, ha anche questo scopo.


Assegnare al sindaco un “diploma” dove vengono elencate alcune situazioni, peraltro riscontrabili nei fatti, non potev…