A modo mio

A partire da oggi, 18 maggio 2017, sono ufficialmente un consigliere comunale di Pietra Ligure.
Sono chiamato a svolgere un ruolo di opposizione all’interno di un Consiglio comunale ormai attivo da circa tre anni. Il mio ringraziamento va, prima di tutto, ai tanti cittadini che circa tre anni fa decisero di riporre la loro fiducia nella mia persona Non li ho mai dimenticati nel corso di questi anni da spettatore della scena politica locale. Così come non ho mai dimenticato le persone che, per varie ragioni, in quel momento storico, decisero di dare fiducia ad altri candidati. Oggi sono qui anche per quest’ultime, perché l’unico obiettivo è rendere un servizio per il bene della città, a prescindere da ogni schieramento. 

Inoltre, meritano una menzione speciale le persone che mi hanno preceduto all’interno del Consiglio comunale e che sono state le mie compagne di viaggio durante la campagna elettorale di tre anni fa: Carla Mattea, Anna Bonfiglio e Paola Devincenzi, a loro va il mio grazie per aver svolto con serietà ed impegno, sino all’ultimo giorno, il loro ruolo.  

Ora inizierà un cammino che durerà circa due anni, tanto quanto manca alla prossima tornata elettorale a Pietra Ligure. Ci sono tanti modi per valorizzare un ruolo di opposizione come quello che mi appresto a ricoprire da qui in avanti. Tanto più è forte il malcontento al di fuori del palazzo, quanto più risulta importante il ruolo di un consigliere di minoranza. Tanto più è alta la voce all’interno di un Consiglio comunale, quanto più si rischia di fare soltanto confusione, rendendo vano ogni sforzo di essere ascoltati e, soprattutto, capiti. 

Il programma elettorale che sottoscrissi idealmente con “La lista civica dei Pietresi” nel 2014 sarà il mio punto di riferimento. Fu con quello che mi presentai agli elettori tre anni fa ed è sempre con quello che inizierò il mio lavoro all’interno del Consiglio comunale per farmi guidare nelle proposte e nelle critiche mirate all’attuale maggioranza. L’intento è quello di attuare un’opposizione di buon senso, non urlata, ma senza fare alcun tipo di sconto all’attuale squadra che amministra la città. Tutto ciò, come già detto, nell’ottica di porre al primo posto solo ed esclusivamente il bene di Pietra Ligure.


Nicola Seppone 




Commenti

Post popolari in questo blog

Le 5 frasi più dette dai turisti in Liguria (e le 5 più dette dai liguri ai turisti)

Au revoir, Shoshanna!

Stop al lungomare di Pietra a senso unico, la petizione vola: quasi 400 firme in poche ore